Manovre Rianimazione Pediatriche sempre incluse nei nostri Corsi BLSD-AHA per essere in grado di salvare un bambino.

Durante i nostri Corsi BLSD vengono insegnate le manovre per la rianimazione cardiopolmonare dell’adulto (+ abilitazione all’uso del DAE) come un corso assolutamente legato anche alla parte pediatrica. Non solo perchè un sanitario che si vuole preparare a salvare una vita non può avere competenze “parziali”, ma perchè – come ci viene insegnato nei corsi avanzati – il bambino NON è UN PICCOLO ADULTO.

Quindi oltre a cambiare le manovre, la modalità di approccio, l’estensione del capo, la possibilità di massaggiare con una sola mano, di posizionare le piastre in modo diverso se il torace è piccolo (intero-posteriore), la letteratura ci informa di due principi fondamentali nella RCP pediatrica:

 

1- il bambino che non viene ventilato e massaggiato prontamente ha scarse possibilità di salvarsi (basso ROSC).

2- soprattutto nei più piccoli avere il defibrillatore disponibile nei primissimi minuti (entro il 3° minuto) può fare la differenza.

 

 Le attuali linee guida per la rianimazione internazionali ILCOR affermano che la sicurezza dei defibrillatori automatici esterni (DAE) nei bambini di età inferiore a 1 anno non è nota, ma un episodio che coinvolge un neonato di 31 giorni, che ha avuto un arresto cardiaco extraospedaliero, viene riferito essere stato salvato perchè era disponibile un defibrillatore velocemente in meno di 5 minuti.
Ora…è vivo e sta bene.

Partendo da questo incidente (per fortuna finito bene), che è diventato un articolo scientifico possiamo fare una riflessione, basandoci su quanto pubblicato: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/jce.14125

Nell’articolo scientifico segnalano l’uso riuscito del defibrillatore pediatrico in un bambino in buona salute di soli 31 giorni con arresto cardiaco extraospedaliero. Le compressioni toraciche sono iniziate immediatamente (grazie a persone addestrate tramite un corso), gli elettrodi pediatrici del DAE sono stati applicati in meno di 5 minuti, ed il ritmo iniziale era la “fibrillazione ventricolare“, un ritmo maligno che è incompatibile con la vita, e che senza un defibrillatore presente in pochi minuti non è modificabile in alcun modo. Dopo l’erogazione di due shock da 50 J, è stato raggiunto il ritorno della circolazione spontanea. E’ stata diagnosticata successivamente una sindrome rara al neonato, ed è stato dimesso, ed è tornato a casa  in buone condizioni dopo il posizionamento del defibrillatore epicardico. Questo caso rappresenta, per quanto ne sappiamo, il paziente più giovane defibrillato con successo da un AED/Pediatrico in un ambiente non medico, e che non presentava alcun danno miocardico apparente.

Questo fatto apre un capitolo molto interessante che non riguarda solo i sanitari, ma anche la popolazione; la società civile, le famiglie, i genitori, in un futuro non lontano, potrebbero decidere di fare un corso di rianimazione cardiopolmonare pediatrico e dotare il proprio condominio/casa/ asilo nido/scuola di un defibrillatore pediatrico, associato a personale adeguatamente formato, per fronteggiare casi del genere.

L’altro fattore determinante è di certo seguire un corso di elevata qualità, con materiale tecnologicamente avanzato, ed al passo con i tempi.
Noi da tempo eroghiamo corsi con manichini digitali pediatrici collegati a dei device, in grado di fornire ad ogni discente (sanitario o non sanitario) le competenze reali con validità internazionale tramite la rete di formazione “American Heart Association”. Siamo ingrato di organizzare corsi dedicati – oltre che per Ospedali, Cliniche, RSA, anche per comunità, famiglie ed Aziende in ambito CSR.

Articoli recenti

Condividi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on telegram
Telegram

Prossimi Eventi

gennaio, 2022